La dieta contro la cellulite

La cellulite è un disturbo che colpisce moltissime donne, presentandosi spesso in concomitanza con la pubertà o in altri periodi delicati della vita femminile. Per combattere questo disturbo è importante seguire una dieta mirata. Su www.cellulite.eu trovate a riguardo molti interessanti consigli.

Le cause
In moltissimi casi la cellulite si presenta a causa di caratteristiche ereditarie, che ne stimolano la formazione. Combattere contro delle cause endogene è spesso molto difficile, perché il problema tenderà a ripresentarsi. Mantenere uno stile di vita sano e attivo e un’alimentazione che non favorisca l’accumulo di grasso e la ritenzione idrica sono quindi delle regole da seguire nel tempo, anche per anni, per evitare che comportamenti scorretti portino ad un peggioramento della cellulite o alla sua comparsa. Questo tipo di comportamento dovrebbe essere seguito da tutti, non solo da chi mostra particolare predisposizione a questo disturbo.

La ritenzione idrica
Purtroppo la ritenzione idrica tende a peggiorare lo stato dei disturbi correlati alla cellulite. Spesso questo fastidioso problema è associato anche a gambe pesanti, fatica nel salire o scendere le scale, pesantezza di tutto il corpo. Per allontanare la ritenzione idrica e, nel contempo, diminuire i fastidiosi sintomi della cellulite, conviene seguire una dieta con poco sale. Per fare questo è importante evitare di aggiungere il sale nei cibi, preferendo ad esso aromatizzanti a base di erbe fresche o alcune tipologie di spezie non piccanti. Oltre a questo è importante anche evitare gli alimenti ricchi di sale, come ad esempio gli insaccati e i salumi in genere, alcuni formaggi molto stagionati, alcune salse e sughi tipici della cucina mediterranea.

Prodotti freschi
Per seguire una dieta che aiuti a diminuire i sintomi della cellulite è anche importante consumare tanta frutta e verdura fresca di stagione; in questo modo si stimola la diuresi e il transito intestinale degli alimenti, diminuendo la formazione di radicali liberi. Inoltre si evita ulteriormente la ritenzione idrica e si aggiungono all’alimentazione tante sostanze benefiche, come Sali minerali, vitamine e antiossidanti, che favoriscono un corpo sano e in buona forma.

Qualche suggerimento
Per sfuggire dalla cellulite è anche importante evitare di fumare e di bere alcolici. Il fumo e l’alcol infatti favoriscono la ritenzione idrica e diminuiscono le riserve di alcune vitamine all’interno del nostro organismo. Inoltre sono nemici del microcircolo, il cui mal funzionamento spesso è una delle principali cause del manifestarsi della cellulite. Per avere una diuresi corretta è anche importante bere molto, almeno 1 litro al giorno di acqua oligominerale.

Napoli e le sue bellezze

Napoli è la terza città più grande in Italia (dopo Roma e Milano). E’ la più grande città a sud del paese e il capoluogo di provincia della Campania. Oggi Napoli ha una popolazione di circa 1,5 milioni di abitanti (3 milioni con la periferia).

Le leggende dicono che Napoli è il luogo di origine delle famose sirene, sirene che cantando hanno portato alla morte tanti marinai. Originariamente Napoli è stato nominato Partenope in onore della più bella sirena.
Napoli fu fondata dai Greci nel 8 ° secolo aC, ma in seguito divenne parte dell’Impero Romano. Entro il 12 secolo dC Napoli aveva una popolazione di circa 300 mila persone ed è stata la seconda città più grande in Europa dopo Parigi. In seguito è stata una capitale del Regno delle due Sicilie. Nel 1860 entra a far parte del neonato stato d’Italia.

Napoli è ricca di attrattive culturali: Castel del Ovo e Castel Nuovo, il Battistero di San Giovanni, numerosi palazzi, chiese e palazzi gotici e rinascimentali fanno la parte significativa della città. Il Museo Archeologico di Napoli è uno dei musei più famosi del suo genere.

Nel corso dei secoli Napoli era la residenza preferita delle varie famiglie reali. Ci sono 4 residenze reali all’interno di Napoli e nella sua periferia. E’ l’unico posto in Europa con una tale concentrazione di residenze reali.

Tra le altre attrazioni ci sono Piazza del Municipio con vista su Castel Sant’Elmo, Galleria Umberto I, Chiesa di S. Anna dei Lombardi a Piazza Carità, Chiesa del Gesù, Tearto di S. Carlo, Chiesa di S. Francesco di Paola, Piazza del Plebiscito.

Napoli ha guadagnato la sua gloria non solo come centro culturale e storico del Sud Italia, ma anche come un importante centro commerciale. A Napoli troverete anche un gran numero di bar e ristoranti.
Napoli è considerata la patria della famosa pizza italiana. La pizzeria più antica di Napoli risale al 1830. Non vi resta che cercare un B&b a Napoli nel centro storico e iniziare la vostra avventura.

Tatuaggi per donne

Le donne amano molto i tatuaggi in particolare per mettere in risalto un posto del loro corpo che amano dargli valore ed esibirlo .

Quali sono le zone in cui le donne desiderano farsi tatuare?

Ci sono come è possibile immaginare zone più dolorose quali costole, pancia e meno dove poter farsi fare un tattoo.

Ecco i 5 posti più gettonati dalle donne per la realizzazione di un tatuaggio.

Al primo posto troviamo il tatuaggio sulle dita della mano, scelto dalle donne che non intendono esagerare con la grandezza del disegno, ma vogliono comunque tenerlo sempre a vista, anche se potrebbe facilmente scolorirsi per i lavaggi frequenti. In genere i tatuaggi per donne su questa zona del corpo sono un cuoricino, ma anche una freccia, una croce, o un nome che spesso appare quasi in filigrana.

Altro posto scelto è l’interno braccio, dove generalmente le donne si fanno tatuare una frase significativa, ma anche un frammento di poesia, oppure di canzone, è una zona meno dolorosa del corpo ma anche tanto sexy, caratterizzato da un vedo non vedo.

Anche il tattoo sopra la spalla è molto scelto dalle donne, in questa zona è possibile decidere le dimensioni del disegno, generalmente si sceglie un tatuaggio medio-grande.

In questa classifica non può mancare la pancia, anche se è una zona molto delicata e dolorosa, bei disegni sarebbero su questa zona: fiori, stelle, farfalle.

In fondo alla classifica delle zone del corpo femminile, meta di tatuaggi c’è il costato, una parte del corpo molto dolorosa. Proprio così ci vuole un gran coraggio a decidere di farsi tatuare proprio in quella zona che fa venire addirittura le lacrime agli occhi. In particolare sulle costole sono molto usati frasi piccole o particolari simboli quali ancore di salvezza, ma anche animali, o affascinanti simboli tribali.

Cosa spinge una donna a tatuarsi

Moda,emozioni particolari che si provano in un dato momento, cambiamenti, sono tanti i motivi che potrebbero spingere l’universo femminile ad optare per un tatuaggio.

Le donne maturano l’idea di un tattoo per segnare un particolare momento della loro vita, in modo che lasci un segno permanente non solo nel loro cuore e nella loro mente ma anche sul proprio corpo e ogni volta che lo guarderanno ricorderanno sempre il significato di quel simbolo, nome o frase impressa sul corpo.

Altre invece decidono di farsi fare un tattoo solo per seguire una moda, per essere anche loro di tendenza e seguire un particolare stile, come se fosse un abito o un paio di scarpe, anche se un tatuaggio se non piace più non si butta via con la stessa semplicità , ma bisogna farlo togliere col laser, quindi prima di farsi tatuare bisognerebbe maturare bene questa decisione.

La parte del corpo poi, varia da donna a donna, ma solitamente vengono scelte zone a vista che permettono un pò a tutti di ammirare quel “capolavoro” che si è scelti di portare sulla propria pelle.

Come guadagnare con le opzioni binarie

Per poter fare trading online con le opzioni binarie occorre comprendere le tipologie di opzioni che possono essere utilizzate nelle contrattazioni che farete con l’unico scopo di ricavare introiti nel modo più rapido e intuitivo possibile. A tal proposito esistono 3 tipi di pozioni: quelle call/put, quelle one touch e quelle intervallo. Comprendere il significato di ognuna di queste opzioni significa conoscere le possibilità di intervento a disposizione durante le fasi di trading azionario on line.

Le opzioni binarie call/put sono considerate le più semplici, dato che si basano su un principio cardine estremamente intuitivo, laddove quello che conta è individuare se una data azione sarà in crescita o in perdita ad una data scadenza. Ecco allora che con le opzioni call/put (in italiano alto/basso) nel caso in cui l’andamento sarà in crescita, comprerete un’opzione call, mentre se sarà in perdita punterete tutto su un’opzione put. Senza dimenticare che con questo tipo di opzioni potrete ricavare un tasso di rendimento che oscilla tra il 70/80%. Le opzioni binarie one touch sono quelle più rischiose ma nello stesso tempo sono quelle più remunerative per una serie di ragioni connesse.

Tale rischio nasce dalla difficoltà della previsione che vi verrà richiesta, dato che dovrete prevedere se il prezzo del sottostante che avete scelto sia meno una quota massima o minima stabilita dal broker. Per questa ragione c’è un margine di rischio molto ampio, in compenso però le percentuali di rendimento sono impressionanti, dato che possono raggiungere il 500% del capitale investito. In ultima analisi ci sono le opzioni intervallo in cui vi verrà richiesto di prevedere un risultato ad una precisa scadenza.

Con queste opzioni quindi dovrete prevedere se il prezzo resterà oppure no all’interno di uno specifico intervallo che viene stabilito in precedenza dal broker di riferimento. Di conseguenza anche queste opzioni sembrano rischiose ma meno delle one touch, anche se gli introiti sono sempre elevati (300 % del capitale totale).

Fonte: http://monetizzare.com/

Come Investire in borsa 10.000 Euro

Se finalmente sei riuscito a mettere da parte qualche soldo, la paura maggiore che potresti avere è quella di perderli. Soprattutto nel caso si tratti di una cifra non troppo elevata, la tua paura è motivata. Cerchiamo di capire come investire in borsa online 10.000 euro in modo intelligente e con un buon rendimento.

In circolazione oggi esistono diversi strumenti economici che ti permettono di far fruttare i tuoi soldi. Prima di optare per una tipologia rispetto ad un’altra, dovresti prima porti una serie di domande:

– Questa somma è tutto il tuo capitale o è una parte che vuoi investire?
– Per quanto tempo sei disponibile a non toccare questi soldi?
– Hai già aperto alcune forme di investimento oppure è la tua prima esperienza?

Se hai a disposizione solo 10.000 euro è bene farsi due calcoli e capire se il rendimento offerto dai prodotti finanziari è superiore alle tasse, ai bolli e alle spese accessorie legate a qualunque tipo di investimento.

Devi sapere che su tutti i rendimenti, ovvero sui soldi che guadagni da un qualunque tipo di investimento, dovrai pagare delle tasse. Queste variano a seconda del tipo di investimento che hai fatto. Per esempio i Titoli di Stato sono tassati al 12,50% mentre i conti deposito al 20%

I bolli di imposta sono da pagare ogni qualvolta si apre un investimento e, se sei una persona giuridica, paghi 36 euro annuali. Nel caso dei conti deposito, la maggior parte delle banche si offre di pagare il bollo di imposta al posto tuo.

Le spese accessorie sono generalmente legate al costo di gestione o apertura di investimento; per esempio, i Btp prevedono dei costi di commissione che sfiorano i 60 euro annuali. I conti deposito, a differenza di questi, non hanno costi di apertura o spese di commissione.

Il tempo è un parametro da valutare. Se vuoi ottenere subito gli interessi, dovrai pensare di scartare i Btp e scegliere investimenti come i Bot e i conti deposito. Questi due sono investimenti a breve termine dove i Bot durano al massimo 12 mesi mentre i conti deposito al massimo 36 mensilità. I Btp, invece, hanno una durata molto lunga che spesso supera il decennio; alla lunga e sulla base della fragilità economica dell’Italia, questo non è un buon investimento in questo momento.

Se sei già un investitore o almeno se sei una persona che nella sua vita ha già cercato un rendimento tramite gli investimenti, saprai bene che dovrai fare delle belle comparazioni prima di scegliere.

Vanno fatte delle vere e proprie operazioni matematiche dove vanno previste tutte le spese e gli interessi che maturerai.

Se invece non hai mai investito, l’occasione nasce dall’aprire un conto deposito. Soprattutto in questo periodo, questa forma di investimento è forse la migliore che puoi trovare in circolazione.

Se è vero che la tassazione è del 20% sul rendimento, è pur vero che non dovrai sostenere nessun costo di apertura o chiusura e nessun costo accessorio; inoltre la tua scelta potrebbe essere anche di prova e potresti aprire un conto deposito anche di soli 3 mesi per vedere l’effettivo funzionamento di questo sistema, visto che l’apertura, la gestione e la chiusura sono totalmente gratuiti.